Roberto Zampino

Ci ha interessato molto la storia di Roberto e la sua visione vista la sua esperienza all'estero e successivamente di ritornare in Sicilia. Inoltre, lui non si è limitato solo a ritornare, ma ha anche trovato la propria strada, creando il proprio lavoro fatto di esperienze uniche ed empatiche per i visitatori, tali che sembrino nuove ed innovative.

PYMWYMI: Cosa ti ha fatto decidere di vivere e lavorare fuori dalla Sicilia / Italia?

Roberto: In Sicilia mi sentivo in gabbia. Non riuscivo a esprimere la mia capacità artistica  professionale. Ho deciso di partire per crescere e scoprire. Avevo intenzione di non tornare in Sicilia. Quando ho cominciato a lavorare all’estero ho visto come il mondo della fotografia era ben diverso. Ho imparato ad avere uno stile e sapere quello che volevo ottenere. In Sicilia non sarei riuscito a crescere in questa maniera

Cosa, invece, ti ha motivato a ritornare a Siracusa?

Quando per una vacanza tornai a Siracusa mi innamorai nuovamente della mia terra. All’epoca vivevo a Londra. Un posto magnifico ma caotico e spesso difficile per una persona con il mio carattere. Ho deciso “quality over quantity” - la Sicilia mi ha richiamato con al sua bellezza. Sapevo che avrei intrapreso un percorso difficile e azzardato ma da buon scalatore so bene che se si ha timore di agire non si riuscirà mai a scalare una montagna.

Il tuo lavoro è interessante e la tua idea sembra innovativa, potresti approfondirla?

Certo, Si tratta di una scuola di fotografia che offre dei viaggi e tour fotografici in sicilia. Volevo che il turista o meglio viaggiatore potesse scoprire la sicilia con i miei stessi occhi e non quelli delle classiche guide turistiche. I tour o viaggi fotografici permettono di vivere il luogo in maniera più sincera e vera. Inoltre si offre al viaggiatore l’opportunità di apprendere un arte e portare a casa fotografie meravigliose. Oltre ad i tour e viaggi propongo workshops e corsi personali di fotografia.

Quale sono le difficoltà che hai riscontrato a causa della scelta di lavorare in Sicilia invece che all’estero?

La prima barriera senza dubbio è la difficoltà di doversi confrontare con una società spesso legata a modelli economici passati e non funzionanti. La sicilia è tanto meravigliosa quanto ottusa certe volte. Il secondo problema è legato alla burocrazia e tassazione. L’italia è tremenda e non aiuta le nuove imprese.  Ma sono certo che la determinazione risolverà tutto

Come può PYMWYMI sostenere il tuo lavoro?

Facendo conoscere il progetto in giro per il mondo! Potremmo organizzare insieme qualche viaggio fotografico in Sicilia (PYMWYMI è d'accordo!).

Tu hai qualche consiglio per i visitatori che vogliono venire in Sicilia, Italia, o visitatori in generale?

Lasciatevi andare, perdetevi. Abbandonate le guide turistiche, chiedete alle persone del luogo, sorridete e vedrete che il vostro viaggio avrà un risultato differente. 

 

Sei interessato imparare più della impresa di Roberto? Guarda Slow Motion Travels qui!